BABEG Venture Fonds: 12,2 milioni di euro per progetti proiettati verso il futuro

12/02/2018

Il BABEG Venture Fonds è una risorsa di fondi pubblici alla quale attingere per investire in imprese locali promettenti, al fine di fornire loro un aiuto in fase di avviamento, sostenerle durante lo sviluppo del prodotto o l’ingresso sul mercato.

Da un lato ci sono le start-up, che possono contare su un capitale del fondo che va dai 50.000 ai 200.000 euro. Dall’altro ci sono le imprese che hanno già realizzato con successo i primi progetti e che si trovano nella fase di espansione. Per loro ci sono dai 100.000 a massimo 1,5 milioni di euro. Affinché questi fondi possano anche essere erogati, almeno un terzo del capitale necessario deve essere fornito da investitori privati. La liquidazione avviene in tranche attraverso la BABEG. La quota di partecipazione dipende dalla fase di sviluppo in cui si trova l’impresa e si divide in "Early Stage" (fondazione, sviluppo del prototipo e del piano di marketing), "Creazione" (inizio della produzione, introduzione sul mercato, finanziamento della crescita) e "Crescita" (nuovi mercati, prodotti e procedimenti produttivi, R&S, fusioni ed acquisizioni).

La presidenza del comitato di investimento è andata a Werner Wutscher, fondatore e CEO di New Venture Scouting, membro del consiglio direttivo della Austrian Angel Investors Association e membro del comitato di investimento di asw Mittelstandsfonds. Gli investimenti vengono effettuati, senza alcuna eccezione, solo in presenza di co-investitori privati ed indipendenti, che oltre al capitale mettono a disposizione anche le loro sinergie strategiche ed il loro know-how. Nel confronto con gli altri Länder federali il numero di investimenti in capitali di rischio nelle imprese carinziane si attesta attualmente sotto il punto percentuale. Con il BABEG Venture Fonds è stato avviato ora un processo di recupero.  

La Tremitas GmbH, che ha progettato una TremiPen® per la terapia di pazienti affetti da tremore (persone con un tremito incontrollato di alcune parti del corpo – il termine medico è  „tremore“), è la prima partecipazione del BABEG Venture Fonds. Il prodotto rappresenta per Tremitas un vantaggio tecnologico e colloca l’impresa nella posizione di „first mover“ in questo settore. Per l’imminente immissione sul mercato – l’avvio delle vendite è previsto nel primo semestre 2018 – Tremitas è riuscita a generare un capitale proprio di 362.500,00 euro, di cui circa il 70% (!) apportato da investitori privati. Questo progetto è nato da una tesi di laurea triennale presentata presso la Fachhochschule Kärnten. Altri sei sono i progetti presentati ed attualmente al vaglio.

12/02/2018